Tratto dall'edizione numero 20 del 20/01/2023

Immobiliare: meno vendite e prezzi elevati

di Alessandro Luongo

scritto il

Il rialzo del costo del denaro va a incidere sulla domanda di mutui, mentre le banche inaspriscono i criteri per la concessione dei prestiti.

Tempi duri per chi sogna di comprare casa quest’anno. Il rialzo dei tassi d’interesse condizionerà decisamente quella parte consistente di domanda che si auto-escluderà dal mercato immobiliare residenziale per i costi maggiori del mutuo e l’irrigidimento dei requisiti di accesso al prestito dalle banche, scottate dalla crisi del 2008. «Dall’estate scorsa, esse hanno difatti inasprito i criteri di selezione – spiega Elena Molignoni, responsabile Immobiliare della società di ricerca Nomisma – chiedendo stipendi più alti, contratto di lavoro a tempo indeterminato e garanzie più stringenti. Di fatto, in Italia, il 57 per cento delle compravendite è assistito da mutuo».