Tratto dall'edizione numero 4 del 30/09/2022

Per le forniture di gas corsa contro il tempo. E ora preoccupa l’Algeria

di Attilio Geroni

scritto il

Difficile per l’Italia garantire un’offerta adeguata a famiglie e imprese. Crescono i dubbi su Algeri, ormai nostro primo fornitore: per rispettare gli impegni deve inviare la cifra record di 12 miliardi di m3 in cinque mesi.

È una gara doppia contro il tempo, inteso nel suo scorrere e nella sua accezione metereologica. Fare in modo di rimpiazzare al più presto le forniture di gas della Russia perché arriva l’inverno e dal 1° ottobre arrivano le tariffe che incorporano i folli rincari dei mercati per i consumatori (anche se si profila l’ipotesi di un congelamento dei listini del gas fino al 1° novembre in attesa di rivedere i metodi di calcolo). E perché sarà difficilissimo garantire un’offerta quantitativa adeguata a famiglie e imprese e nel frattempo attenuare i contraccolpi economici e sociali del rincaro delle bollette.