Tratto dall'edizione numero 24 del 17/02/2023

Europa: due anime alla prova della coesione

di Attilio Geroni

scritto il

Il proseguimento del conflitto rischia di accentuare la divisione tra il fronte favorevole a un supporto militare a Kiev e quello più prudente: nuovi equilibri, con la Germania nel ruolo di mediatore.

Un anno di guerra ai propri confini, rescissione del cordone ombelicale energetico con la Russia e contestuale accelerazione verso le fonti rinnovabili, un decimo pacchetto di sanzioni in arrivo contro Mosca e decine di miliardi in aiuti – finanziari, militari e umanitari – all’Ucraina. Il tutto, in un contesto macroeconomico estremamente difficile, con un livello d’inflazione mai così alto dalla nascita dell’euro. Dopo gli anni della pandemia, è arrivato uno shock geopolitico alle porte d’Europa che ha costretto e sta costringendo più o meno tutti i Paesi dell’Unione a ripensare profondamente la loro collocazione e le priorità nelle relazioni internazionali.