Tratto dall'edizione numero 1718 del 30/12/2022

Alessandro Paciello: un nuovo Umanesimo

di Alessandro Paciello

scritto il

IA e digitalizzazione sono strumentalizzate per dominare la Natura e contrapporre scienza e anima. Si recuperi una visione olistica che riscriva il presente per un futuro sostenibile: per l’ambiente e per l’Uomo.

Abbiamo perso la “visione d’insieme”. Come Umanità, intendo. Il senso olistico che dovrebbe permeare ogni istante della nostra vita è stato sostituito da osservazioni e comportamenti “verticali”, di cui ci facciamo pure, e spesso, vanto accusando chi ha una visione ampia e onnicomprensiva di «non avere i piedi per terra». Gli antichi e moderni filosofi, che dovrebbero essere i veri generatori dell’evoluzione umana grazie al loro pensiero, vengono messi ai margini, sostituiti da visioni deterministiche parascientifiche. Impera la “tecnocrazia finanziaria”, aberrante matrimonio tra la burocrazia digitale e la peggiore finanza che opera sotto le mentite spoglie dei diabolici filantrocapitalisti. Il danno che ne deriva è che con il pretesto di risolvere un problema – o supposto tale – questo dominio genera distruzioni e, finanche, catastrofi epocali. Quanto abbiamo vissuto in questi anni in cui il Mondo è stato vittima delle continue e reiterate emergenze sanitarie, belliche e ambientali ne è solo uno dei tanti, più recenti e vistosi esempi.